Far From Earth

Chronicles From Zeta Reticuli

Fuoco e Terra

Leave a comment


Soundtrack

Io sono un po’ come la terra, con la sua forza enorme, presente ovunque ma invisibile allo sguardo. Sembra tutto quieto ma, sotto la sabbia, la roccia si comprime e si sforza, lentamente si sposta e stride, anche se nulla appare a chi ne guarda la superficie.
E per questo ho i miei tempi, le mie ere, e così io con calma, pazienza e perseveranza riesco a fare ogni cosa. Ma purtroppo è anche un modo di andare avanti senza guardare troppo ciò che sta attorno, posso vedere e conoscere il mondo che incrocio, lo osservo da lontano, da dietro uno specchio, dall’alto delle nuvole o dalla oscurità sua ombra. Ma sarà questo tempo, lo scrutare il mondo ed i suoi movimenti, un soffio per me, nella mia scala dei tempi.

E così puntualmente mi risveglio, mentre ripasso in luoghi e momenti noti, e mi stupisco di come il mondo sia andato avanti. Certo, magari lo stupore è anche perché il mondo esiste anche senza di me, ma lo trovo molto più straniante perché per me è passato un battito di ciglia, e nella memoria sono ancora li i momenti passati, come fossero stati cinque minuti fa, ancora verdi, eppure non ci sono più.

E a volte mi domando come sarebbe essere di fuoco, bruciare di vita, avvampare alla più leggera brezza, correre senza posa dove il mondo lascia spazio. Posso immaginare, anche se come in un sogno, un vivere del genere. Posso sentire con le mani il calore che passa per dirigersi verso mete a me ignote, il ritmare rapido del cuore che sembra voglia che tutti lo sentano. Un vivere mettendosi in gioco e sentendo il mondo, chiamandolo per nome, leggendolo da dentro e non da fuori.

Ma io sono terra, posso imparare a muovermi tra il vento, scivolare sul ghiaccio e sentire la brezza, ma il fuoco è di un altro mondo. Ed in fondo lo osservo rapito dal suo essere, lo conosco e lo apprezzo, ma viviamo vicini eppure lontanissimi.

Chissà se un giorno ci troveremo a bere un caffé.

Advertisements

Author: Greg Icy Stark

Who am I ? Nothing but the shadow in your eyes, an unknown feeling, a chilly autumn wind.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s